Aaron Karo, Mi chiamo Chuck, ho diciassette anni e, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo,

Recensione di  Aaron Karo, Mi chiamo Chuck, ho diciassette anni e, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo, ed. Giunti 2012

di Ilenia Unida

 

Ognuno ha le sue piccole manie ma Chuck Taylor, 17 anni, è davvero un caso clinico: maniaco dell’igiene, scrupoloso nel tenere il conto di assurdità, e completamente terrorizzato da un’ipotetica fuga di gas nella sua cucina elettrica. Le sue mille, per noi spassose, paranoie gli condizionano la vita e sfavoriscono le sue relazioni sociali, tanto che persino sua sorella Beth gli nega l’amicizia su Facebook. Il bizzarro ragazzo si è anche fatto la diagnosi da solo leggendo su Wikipedia: soffre di un disturbo ossessivo – compulsivo.
Chuck ha un modo tutto suo di affrontare la situazione: la ignora, autoconvincendosi che sia tutto okay.
In fondo va così da anni, perché cambiare? Poi un giorno vede lei, Amy Huntington, la nuova arrivata ed è colpo di fulmine. Per la prima volta il complessatissimo protagonista desidera migliorare ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta …
“Mi chiamo Chuck” è uno dei romanzi più esilaranti che abbia mai letto. Aaron Karo imbastisce simpatici siparietti della vita quotidiana di una persona che soffre del disturbo ossessivo –compulsivo divertendoci ma anche facendoci comprendere quali siano le reali difficoltà che un malato deve affrontare. Non si tende affatto a sminuire il problema, anzi, il romanzo ci insegna che non dobbiamo cambiare per gli altri ma migliorare per noi stessi.

Personaggio preferito: la Dottoressa Ahladita Srinivasan, tenace psicologa che con la sua forza d’animo e la sua competenza sosterrà Chuck nel suo percorso.

Emozioni provate durante la lettura: Ho riso molto. Leggere e ridere fanno bene all’animo.

Ambiente preferito: il campeggio, terrore di ogni igienista. Figuratevi tutta quell’erba, dormire all’aperto sotto il cielo stellato, l’aria pulita … sì, assolutamente da evitare.

Note o suggerimenti: finalmente un uomo che scrive di un altro essere maschile complessato. Le donne ringraziano profondamente Aaron Karo.

 

Recensione di Ilenia Unida, Classe V B, Liceo Scientifico G. Marconi, Sassari.
CORSO DI SCRITTURA CREATIVA
Coordinatrice: prof. ssa Alessandra Petretto.

link per leggere i primi capitoli del libro di Aaron KaroMi chiamo Chuck. Ho diciassette anni. E, stando a  Wikipedia, soffro di un disturbo  ossessivo-compulsivo, traduzione di Marco Rossari,  Giunti Editore, 6 aprile 2012

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/mi-chiamo-chuck-ho-diciassette-anni-e-stando-wikipedia-soffro-un-disturbo-ossessivo-com

 

sweets dreems

 

 

(1102)

Lascia un commento