Betty Mindlin e i narratori indigeni Mariti alla brace. Miti erotici dell’Amazzonia

Sinossi del libro di Betty Mindlin e i narratori indigeni Mariti alla brace. Miti erotici dell’Amazzonia


Anticamente erano gli uomini ad avere le mestruazioni. Si isolavano in una capannuccia fuori del villaggio, andando a fare il bagno solo tra il lusco e il brusco, all’alba o al tramonto. Dovevano restare lontano dagli altri, e principalmente dai pajés, a cui era proibito toccare un uomo mestruato.

Un giorno un giovane guerriero aveva le mestruazioni ed era lì recluso nella sua capannuccia. Raccoglieva il sangue che scorreva giù in un vasetto di coccio. Di tanto in tanto si accovacciava, faceva gocciolare il sangue in un piccolo perizoma di paglia, tamará in tupari, poi lo versava nel ciotolino.

link per leggere i primi capitoli del libro di Betty Mindlin e i narratori indigeniMariti alla brace. Miti erotici dell’Amazzonia, traduzione di Angela Masotti, Edizioni La Linea, 14 novembre 2012

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/mariti-alla-brace-miti-erotici-dell%E2%80%99amazzonia

sweetsdreems


(698)

Please like & share:

Lascia un commento