Circe

Il personaggio mitologico del giorno:
CIRCE

Giunti alle porte, la Deessa udiro
Dai ben torti capei, Circe, che dentro
Canterellava con leggiadra voce,
Ed un’ampia tessea, lucida, fina,
Maravigliosa, immortal tela, e quale
Della man delle Dive uscir può solo.
Polite allor, d’uomini capo, e molto
Più caro, e in pregio a me, che gli altri tutti,
Sciogliea tai detti: Amici, in queste mura
Soggiorna, io non so ben, se donna, o Diva,
Che, tele oprando, del suo dolce canto
Tutta fa risentir la casa intorno.
Voce mandiamo a lei. Disse, e a lei voce
Mandaro; e Circe di là tosto, ov’era,
Levossi, e aprì le luminose porte,
E ad entrare invitavali. In un groppo
La seguian tutti incautamente, salvo
Euriloco, che fuor, di qualche inganno
Sospettando, restò. La Dea li pose
Sovra splendidi seggi; e lor mescea
Il Pramnio vino con rappreso latte,
Bianca farina, e mel recente; e un succo
Giungeavi esizïal, perchè con questo
Della patria l’obblio ciascun bevesse.
Preso, e votato dai meschini il nappo,
Circe batteali d’una verga, e in vile
Stalla chiudeali: avean di porco testa,
Corpo, setole, voce; ma lo spirto
Serbavan dentro, qual da prima, integro.
Così rinchiusi, sospirando, furo:
Ed ella innanzi a lor del cornio i frutti
Gettava, e della rovere, e dell’elce,
De’ verri accovacciati usato cibo.

(Omero, Odissea, Libro X, 285-317)
http://scrivi.10righedailibri.it/


Fonte foto: Wikipedia
Circe in un quadro di John William Waterhouse (1849-1917)

 

(697)

Lascia un commento