Ernesto Capasso, Roberto Vecchioni. Miti e parole di un lanciatore di coltelli

Sinossi del libro  di  Ernesto Capasso, Roberto Vecchioni. Miti e parole di un lanciatore di coltelli

Incipit: “Cammino per l’ampia strada che costeggia il lungomare di Napoli, la mia città, in un pomeriggio di primavera inoltrata. Guardando il panorama, riaffiora in me un verso di Dante: “La dolcezza ancor dentro mi suona”. Mi soffermo a guardare il castello che domina il paesaggio….”

“Io non ho mai sentito tanto di vivere quanto amando”, scrive Giacomo Leopardi in una pagina dello Zibaldone datata 1819. Le canzoni di Roberto Vecchioni potrebbero racchiudersi in questo aforisma. Un desiderio ostinato di vivere alimentato da un motore inesauribile e incessante: l’amore. Tenaci e combattivi, i versi di Roberto Vecchioni sfidano i modelli di una società falsamente opulenta orientata più verso la ricerca di un risultato che di un significato. Forse siamo davvero tutti lanciatori di coltelli, anime alla ricerca di un bersaglio da colpire, di un sogno da afferrare, di una mano da stringere. Esplorando in venti itinerari tematici il percorso musicale di Roberto Vecchioni, il libro racconta le più significative melodie del cantautore e le suggestioni letterarie e artistiche da esse evocate.

Da Luci a San Siro a Sogna ragazzo sogna da El bandolero stanco a Chiamami ancora amore, le canzoni diventano porti dove attraccare le ancore di un infinito viaggiare, finestre affacciate sulle distese dell’ispirazione, attraverso cui far vibrare le corde di un racconto lungo oltre quarant’anni.

In appendice, due approfondimenti: “Il professore e i poeti” e “Vecchioni e l’arte della narrazione”, viaggio tra le pagine dei cinque libri pubblicati dall’artista, dal 1996 a oggi. In conclusione, un’intervista esclusiva, rilasciata da Roberto Vecchioni per questo libro.

Ernesto Capasso è  nato nel 1971 a Napoli, dove vive e lavora. È autore dei saggi Poeti con la chitarra. La storia e la letteratura raccontate dai cantautori italiani e Andare lontano: luoghi e non luoghi della canzone italiana. Giornalista, ha scritto per quotidiani, riviste e siti web. Attualmente collabora alla redazione napoletana de «la Repubblica».

La biografia letteraria del vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo «Il lanciatore di coltelli sono io, siamo tutti noi. I coltelli sono i pensieri, le nostre forme d’espressione. Ci sono stati i grandi lanciatori: Raffaello, Einstein. Poi ci sono quelli come me, gli imitatori: faccio del mio meglio, provo a emozionare e qualche volta riesco a prendere una stella» Roberto Vecchioni

«Chiamami ancora amore è un manifesto della speranza» Michele Serra

link per leggere i primi capitoli del libro di Ernesto Capasso, Roberto Vecchioni. Miti e parole di un lanciatore di coltelliArcana Edizioni, 12 novembre 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/roberto-vecchioni-miti-e-parole-un-lanciatore-coltelli

sweets dreems

 


(658)

Please like & share:

Lascia un commento