Espedita Fisher, Eremiti

Sinossi del libro di Espedita Fisher, Eremiti

“Non frequento le grandi città, perché gli uomini sono immersi in un sonno profondo. Fuori da certi ritmi il cervello è più sveglio. Avverrà una migrazione verso le aree rurali. La natura, la voce di chi ti sta a fianco torneranno ad avere valore. Non so quando, ma avverrà”.

Incipit

L’Eremo dell’Armonia Primigenia
Devo partire alle dieci, l’auto non parte. Alle undici chiedo il Fiorino a Eulalia. Faccia d’angelo mi chiede un favore: «Consegneresti
un vassoio di un metro per due ai signori Del Ponte?».
L’avrei di certo rovesciato, facendo perdere al suo catering due fra i migliori clienti…..”

La scelta della solitudine, della contemplazione e dell’ascetismo esiste ancora, in Italia. Lontani dallo stereotipo falsante dell’eremita misantropo, quelli raccontati da Espedita Fisher sono gli eremiti di oggi, gli abitanti di un eremo soprattutto interiore, prima che geografico. Swami Atmananda, Ginevra, Giovanna, Piero Balla, Juri Camisaca e altri, sono i custodi di un significato molto lontano dalla palpitante ma sempre più vacua realtà metropolitana, una realtà in cui a volte crediamo trovarsi la sola verità del presente. Già autrice di un fortunato libro sulle grandi scelte spirituali, Clausura (Castelvecchi, 2007), la giornalista calabrese ha percorso l’Italia sconosciuta delle montagne, delle zone rurali, tracciando una sorprendente testimonianza di chi oggi cerca ancora il significato profondo delle cose nel silenzio e nella ricerca di una verità che, sola, può condurre l’uomo alla vera libertà.

ESPEDITA FISHER Classe ’78, giornalista, scrittrice, conduce da anni un’intensa attività di ricerca e di studio sulle grandi scelte mistiche della contemporaneità italiana. Il suo primo libro, Clausura (Castelvecchi, 2007) ha ricevuto il plauso di critica e pubblico.

link per leggere i primi capitoli del libro di Espedita FisherEremitiCastelvecchi editore, 02 marzo 2012

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/eremiti

sweets dreems

 

(1932)

Lascia un commento