Franz Hessel, L’ARTE DI ANDARE A PASSEGGIO

SINOSSI del libro di Franz Hessel, L’arte di andare a passeggio, Elliot Edizioni

INCIPIT: ” Il poeta moderno, ha scritto Hugo von Hofmannsthal in un suo saggio del 1907, “stranamente abita nella casa del tempo, sotto la scala, là dove tutti gli debbono passare davanti, e nessuno lo nota. […] Egli è qui, e nessuno è tenuto ad occuparsi della sua presenza. Egli è qui e silenziosamente passa di luogo in luogo ed è null’altro che occhi ed orecchi e assume il colore delle cose su cui si posa”…..”

Amico di Walter Benjamin, Franz Hessel fu al centro della vita culturale berlinese e parigina tra gli anni Venti e Quaranta. Personaggio schivo e discreto, Hessel è oggi considerato come uno dei maestri della forma breve, in cui condensa una raffinata abilità narrativa carica di suggestioni simboliche e filosofiche.

“L’arte di andare a passeggio” contiene prose tratte da diverse raccolte, a coprire un arco temporale che va dal 1926 al 1933. Spesso concepiti come fiabe moderne, talvolta costruiti come passeggiate – al tempo stesso reali e metaforiche – per le vie di Parigi o di Berlino, questi testi offrono un quadro completo della poetica di Hessel, che da Baudelaire ha raccolto il testimone dell’arte della flânerie contaminandola con l’influenza della Recherche di Proust.

Sacrificato dal nazismo in quanto ebreo e dimenticato nel dopoguerra, Franz Hessel è stato lentamente riscoperto in Francia e Germania che oggi lo celebra come uno dei suoi maestri; in Italia l’autore è ancora semisconosciuto ed è per questa ragione che Elliot ha deciso di riproporre al pubblico dei lettori una nuova edizione di questa splendida raccolta di suoi scritti, che così descrisse Benjamin: «Ognuno ha un doppio fondo. Se si apre il coperchio superiore – una morale; se all’improvviso si capovolge il barattolo – una verità.»

Franz Hessel (Stettino, 21 novembre 1880 – Sanary-sur-Mer, 6 gennaio 1941) scrittore, saggista e traduttore fu una delle figure più significative della vita culturale tedesca e parigina. Collaborò lungamente con la casa editrice Rowholt e tradusse, insieme a Walter Benjamin, À la recherche du temps perdu di Marcel Proust. Tra le sue opere di narrativa ricordiamo Heimliches Berlin del 1927, Pariser Romanze del 1920  (Romanza parigina. Carte di un disperso, Adelphi, 1997), È stato uno dei primi esponenti tedeschi della flânerie francese e ha pubblicato una raccolta di saggi riguardanti la città di Berlino, Spazieren in Berlin (1929). Era il padre del diplomatico Stéphane Hessel, autore del bestseller Indignatevi! (ADD, 2011).

link per leggere i primi capitoli del libro di Franz HesselL’arte di andare a passeggio, traduzione di Enrico Venturelli, Elliot Edizioni, 22 novembre 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/larte-andare-passeggio

sweets dreems


(770)

Please like & share:

Lascia un commento