Giovanni Ziccardi, L’ultimo hacker

Sinossi del libro di Giovanni Ziccardi, L’ultimo hacker

Incipit

Il Giudice
«Rilassati, Alessandro. E fai un bel respiro. Il dolore vero non è quello che avverti in questo istante. Il dolore vero lo assorbi tutti i giorni. Nei corridoi dei tribunali.»
L’uomo che parla, e che mi sta tatuando il braccio, è un vecchio giudice in pensione. Anzi, è il Giudice…..”

Negli anni novanta, Alessandro Correnti era Deus, uno degli hacker più famosi e rispettati al mondo, poi era diventato un intransigente difensore delle libertà civili nel ciberspazio per un’importante gruppo di attivisti. Ora è un avvocato quarantenne un po’ nerd che ha aperto un piccolo studio di diritto penale in centro a Milano. È single, guida una strana motocicletta australiana che pare uscita da una guerra nucleare e conduce una vita piuttosto riservata. La quiete tanto agognata è però destinata a durare poco. Un piovoso autunno milanese lo vede coinvolto in un delicato caso di pedopornografia e in una questione di tratta di cuccioli di cani dall’Est Europa che lo porteranno a confrontarsi con il mondo della criminalità organizzata e con malviventi senza scrupoli. Nel frattempo, il suo vecchio mentore atterra a Milano per rivelare misteriose informazioni su un progetto per il controllo tecnologico delle persone. Alex si troverà a dover attraversare in motocicletta l’Italia, da Milano a Matera, dalle Murge al Carso, in una lotta non solo contro il tempo ma anche contro la capacità di controllo e l’invasività delle nuove tecnologie. E in questo viaggio tornerà, pian piano, l’hacker che era: anonimo, spietato e geniale.

 

L’autore Giovanni Ziccardi (Castelfranco Emilia, Modena, 1969) è professore di Informatica giuridica alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, dove ha fondato e dirige il Corso di perfezionamento in Computer Forensics e Investigazioni Digitali. Avvocato, pubblicista e scrittore, è presidente della Legal Drama Society, circolo culturale e letterario dedicato al legal thriller e al legal drama. Autore di volumi e articoli scientifici pubblicati in Italia, Olanda, Stati Uniti d’America e Giappone, è considerato uno dei massimi esperti d’informatica giuridica, di diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie, di libertà del codice e della cultura, di hacking, di criminalità informatica, di sorveglianza globale e di investigazioni digitali. Con Marsilio ha già pubblicato il saggio Hacker. Il richiamo della libertà (2011).

 

link per leggere i primi capitoli del libro di Giovanni ZiccardiL’ultimo hackerMarsilio Editori, 25 gennaio 2012

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/lultimo-hacker

 

sweets dreems

(611)

Please like & share:

Un commento

  • Francesca

    Questo thriller annovera un’ avvincente serie di storie, che si intersecano fra loro per giungere, caratterizzate dalla presenza di un unico protagonista: Alessandro Correnti, avvocato penalista ed ex hacker, con Studio a Milano, accompagnato da un cane beagle sfuggito ad un laboratorio, con un sacco di problemi, fra cui quello di scambiare i carlini per dei tappetini per i piedi.
    Sono tre i casi principali che l’avv. Correnti si trova ad affrontare: un caso giudiziale di pedopornografia; l’omicidio del suo mentore, l’hacker ed attivista “God” e la tratta di cuccioli di cane (problema ormai sempre più noto anche alla cronache) dall’est.
    E in tutte e tre i casi la tecnologia e le sue spiccati doti da hacker risulteranno determinanti.
    La lettura di questo thriller, però, è ancora più apprezzabile per gli argomenti di sottofondo: da un lato diritto e giustizia, mentre informatica, investigazioni digitali dall’altro.
    Proprio questi argomenti, che rappresentano il nocciolo dell’attività professionale di cui Ziccardi si occupa, nel testo vengono affrontati con la leggerezza necessaria per rendere la lettura scorrevole, seppur mai banale o superficiale.
    Alla fine il lettore non potrà non constatare come, vero protagonista della storia, pare essere unicamente il concetto di libertà, sia d’espressione sia di conoscenza.

Lascia un commento