IRIS – Il sogno dei morti di Maurizio Temporin

Sinossi del libro IRIS – Il sogno dei morti secondo libro della trilogia di Maurizio Temporin edita da Giunti Editore.

Incipit

NEVE NERA
Mia madre non aveva raccontato la storia giusta. Sempre ammesso che esistano storie giuste.
Non era stato mio padre a portarla in ospedale quando stavo per nascere. Al volante c’era Charles.
E adesso Charles era morto.
Avrebbe dovuto mettersi lei alla guida del carro funebre al suo funerale, per sdebitarsi, per ricambiare il favore.
Sono diventata più cinica ultimamente.
Mia madre mi ha raccontato anche che nevicò nero quando sono nata. Non so se credere almeno a quello. L’unica neve che ho
visto finora è grigia, e non è nemmeno neve.
È cenere. La cenere è tutto quello che ho adesso.
Ma dovrei riprendere da dove ho lasciato. […]

“Sentii la pelle percorsa da una scossa gelata,

le dita sollevarsi tremando dalla tastiera.

Avrei voluto saltare all’indietro,

ma non avevo la forza di farlo.

La foto che era allegata al messaggio

era stata fatta qualche istante prima.

Qualcuno, fuori dalla finestra, mi stava osservando.”

 

Un linguaggio fresco in cui si intrecciano letteratura, fumetto, graphic novel, cinema e arti visive.

La vita di Thara sembra aver ripreso il verso giusto. Nate, seppur nel corpo di Ludkar, le è finalmente vicino nel “mondo reale”; suo padre, il Nocturno, è rientrato nella vita della famiglia e sembra riavvicinarsi alla moglie, che piano piano sta sciogliendo la diffidenza e la paura che l’avevano spinta a lasciarlo. La scoperta di essere una “Vampira dei fiori” aiuta poi Thara a risolvere il problema che l’ha afflitta tutta la vita: la narcolessia. Ma probabilmente è tutto troppo bello per essere vero. Sono molti gli enigmi rimasti senza soluzione, e dal Cinerarium, forse, c’è ancora qualcuno che vuole tornare …

Maurizio Temporin classe 1988, trascorre l’infanzia vicino ad Alessandria, iniziando a coltivare la passione per l’arte, la letteratura e il cinema. In seconda liceo scrive il suo primo romanzo, “Tutti i colori del buio”, di cui sono stati venduti i diritti cinematografici in Usa.

Dopo aver viaggiato fino a Buenos Aires e il Polo sud, si trasferisce a Milano e stringe amicizia con due noti artisti, Luigi Serafini e Max Manfredi, dedicandosi a disegnare, scolpire, scrivere testi per il teatro, realizzare graphic novel, organizzare eventi.

Il suo sito è: www.mauriziotemporin.com.

Sul sito 10 Righe dai Libri potete leggere le prime trentacinque pagine di IRIS – Il sogno dei morti secondo volume della trilogia scritta da Maurizio Temporin ed edita da Giunti Editore.

Autore dell’articolo: Francesco Roghi

(535)

Please like & share:

Lascia un commento