Jean-Didier Vincent, IL SESSO RACCONTATO A MIA FIGLIA

Sinossi del romanzo di Jean-Didier Vincent, IL SESSO RACCONTATO A MIA FIGLIA

“Non mi sarebbe mai venuto in mente di mettermi a parlare di sesso con mia figlia se non mi fosse stato proposto questo progetto: descriverle la fisica dell’amore senza oltrepassare i limiti della decenza. Nonostante gli anni passati a studiare il ruolo del cervello e degli ormoni nella sessualità degli animali, e malgrado una certa licenziosità acquisita in caserma, conservo una delicata timidezza e una riservatezza spaurita verso questo “altro” mistero impenetrabile che la donna rappresenta per l’uomo….”  Un originale e istruttivo approccio al sesso raccontato con precisione scientifica e tenerezza paterna Una sorta di dialogo socratico tra un padre settantacinquenne e scienziato e una figlia di tredici anni ancora (quasi) completamente ignara di tutto ciò che riguarda il sesso, a parte ciò che ha già studiato a scuola o sentito dire dagli amici e dalla televisione. Con un linguaggio molto preciso, diretto e appassionato, e senza mai perdere di vista il proprio ruolo di padre, l’autore guida sua figlia (e il lettore) attraverso un’analisi di tutti gli aspetti pratici e fisiologici del sesso. Partendo dal presupposto che il sesso è il più universale degli altri – il gesto necessario che accomuna uomini, animali e tutti gli esseri viventi – descrive in modo puntuale il ruolo giocato dagli organi, dagli ormoni e dal cervello nell’atto e nell’orientamento sessuale, abbandonandosi anche a riflessioni poetiche sul rapporto tra l’amore e il rapporto fisico, immaginando tutte le situazioni in cui la ragazza potrà trovarsi durante il suo percorso amoroso e cercando di fugare in lei tutte quelle paure che possono essere generate dall’inesperienza.

Il fatto che sia proprio un padre a occuparsi dell’educazione sessuale di una figlia femmina è il punto più sorprendente e interessante di questo colloquio, che l’autore stesso ammette non avrebbe mai immaginato. Privo di qualsiasi remora dettata dai retaggi culturali o religiosi, questa conversazione risponde a tutti i dubbi della ragazzina, facendo leva sul fatto che il sesso non si riduce solo alla sua manifestazione fisica, ma che tutto deve sempre essere guardato alla luce dell’amore.

«Nonostante gli anni passati a studiare il ruolo del cervello e degli ormoni nella sessualità degli animali, e malgrado una certa licenziosità acquisita in caserma, conservo una delicata timidezza e una riservatezza spaurita verso questo “altro” mistero impenetrabile che la donna rappresenta per l’uomo. ….». Jean-Didier Vincent

JEAN-DIDIER VINCENT Insegna fisiologia alla facoltà di Medicina dell’Università Paris XI. È un membro dell’Accademia delle Scienze e dell’Accademia di Medicina.Oltre a varie opere di carattere scientifico ha scritto numerosi libri, tra cui La biologia delle passioni (Einaudi, 1988) o Viaggio straordinario al centro del cervello (Ponte alle Grazie, 2008) che hanno incontrato il favore del grande pubblico.

link per leggere i primi capitoli del romanzo di Jean-Didier Vincent, Il sesso raccontato a mia figlia,traduzione di Federica Alessandri, Orme, 20 maggio 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/sesso-raccontato-mia-figlia

sweets dreems

(666)

Please like & share:

Lascia un commento