La diffusione della lettura ai tempi dei social network

Il ruolo della scuola resta fondamentale, ma la passione per i libri oggi si diffonde anche attraverso nuovi canali, in primo luogo i social network
MILANO – Le percentuali negative che riguardano il numero di lettori in Italia è un problema a cui il sistema culturale tenta di porre rimedio. La colpa del disinteresse del Bel Paese per i libri viene scaricata di mano in mano come una patata bollente. Si attribuiscono le responsabilità alle istituzione e ai nuovi media. Ma gli italiani non sono gli unici a lamentarsi per la crisi che affligge il sistema editoriale. No. Vero che i nostri numeri sono preoccupanti, però anche l’America ha le sue denunce e repliche da gridare. Un articolo recentemente apparso sul magazine The millions fa il punto della situazione.

Per proseguire: Libreriamo

(984)

Please like & share:

Lascia un commento