La via della felicità, di al-Farabi, Castelvecchi editore

Scheda libro: La via della felicità

Il tema di questo libro è il corretto metodo per ottenere la perfezione umana, che nella concezione di al-Farabı si identifica con la felicità e con la filosofia. Per lui – primo dei grandi filosofi musulmani e primo a riportare alla luce il pensiero greco nel mondo profondamente mutato delle religioni monoteiste – il raggiungimento della felicità è indissolubilmente legato a un ordine politico, a quello che Platone ha definito «regime virtuoso». Al-Farabı accoglie la visione gerarchica della filosofia platonica e l’ideale di un «governante supremo» che deve essere principe, imam e filosofo. Ma, nella ferrea logica che lo porta a disegnare la struttura di una società perfetta e quindi felice, si scontra con la difficoltà di conciliare l’indipendenza della ricerca filosofica con la religione rivelata, «la felicità terrena in questa vita e la felicità suprema in quella a venire». Prima parte di una trilogia che prosegue con La filosofia di Platone e La filosofia di Aristotele e che era nota col titolo Le due filosofie, questo trattato è anche un mezzo per comprendere meglio la filosofia della Grecia classica e il modo in cui questa ha influenzato, nel corso dei secoli, la nostra civiltà.

La via della felicità

 

ABU NASR MUHAMMAD AL-FARABI
(Wasij, 870 – Damasco, 950)

Nato nella provincia di Farab, attuale Turkestan, visse a Baghdad e compì numerosi viaggi. Fu filosofo, matematico e musicista. La vastità dei suoi studi e l’impegno per la diffusione del pensiero greco nell’Islam gli valsero l’appellativo di «secondo maestro» dopo Aristotele. Si occupò di astronomia, di politica e di logica e ideò un modello filosofico fondato sulla sintesi di elementi aristotelici e platonici. Il suo sistema tonale è tuttora utilizzato nella musica araba.

 

Link per leggere le prime pagine del libro di
al-Farabi
, La via della felicità, Castelvecchi editore, traduzione dal francese di Raphaël Branchesi, disponibile in libreria da maggio 2013

 

(836)

Please like & share:

Lascia un commento