LAUREN DE STEFANO IL GIARDINO DEGLI ETERNI

Sinossi del romanzo de Lauren di Stefano, Il giardino degli eterni

“Aspetto.
Siamo al buio da così tanto tempo che abbiamo perso il controllo delle nostre palpebre. Dormiamo ammucchiate come animali, con gli occhi fissi nel vuoto, sognando i nostri corpi che fluttuano come onde….”  Un disastroso esperimento genetico volto a creare la specie perfetta ha finito per distruggere l’umanità,  che ora è condannata a una vita brevissima:  25 anni per gli uomini e 20 per le donne. Gli scienziati sono alla ricerca di un antidoto, il crimine e la povertà si diffondono a macchia d’olio, per le strade si aggirano gli orfani disperati e le ragazze vengono rapite e costrette a matrimoni poligamiper salvare la popolazione dal pericolo di estinzione. Rhine Ellery ha solo 16 anni, ma sa già che gliene restano soltanto quattro da vivere, quando è rapita e costretta a diventare una delle mogli di Linden. Nonostante il marito provi per lei un sentimento sincero e le permetta di vivere in un mondo di ricchezza e privilegi,  Rhine ha un unico pensiero: fuggire e ritrovare il suo fratello gemello. Fino al giorno in cui la ragazza fa una scoperta raccapricciante: nella cantina della lussuosa dimora in cui vive sono custoditi, in bare di vetro, dei corpi umani. Rhine raccoglie tutto il suo coraggio e intraprende la fuga attraverso un mondo in preda alcaos e alla distruzione.

Lauren DeStefano è nata e cresciuta a nel Connecticut, dove ha studiato Scrittura Creativa all’Albertus Magnus College. Il giardino degli eterni è il suo romanzo d’esordio, il primo di una nuova trilogia fantasy.

AMORE E MORTE, NATURA E SCIENZA SI INSEGUONO IN UN ROMANZO DI FANTASCIENZA MOZZAFIATO, IL PRIMO DI UNA NUOVA STRAORDINARIA SERIE

link per leggere i primi capitoli del libro di Lauren DeStefanoIl giardino degli eterni. Dolce veleno. Traduzione dall’inglese di Chiara Baffa, Newton Compton editori, 14 aprile 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/giardino-degli-eterni

sweets dreems

(744)

Please like & share:

Lascia un commento