Maurizio Temporin, IRIS. I sogni dei morti

Recensione  di Ilenia Unida

del libro di Marco Temporin, Iris. I sogni dei morti, Giunti editore

 

Thara per liberare Nate dal Cinerarium lo ha condannato solo a una prigionia diversa, peggiore. La sua anima, legata ormai al corpo del loro nemico, si sta macchiando di atroci crimini con lo stesso sadismo che ha sempre caratterizzato Ludkar. Thara stenta a riconoscere nel corpo del Notturno il ragazzo che ama. Tutto sembra degenerare ulteriormente da quando gli iris, chiavi per le porte del Cinerarium, non riescono più a trasportare la nostra Crepuscolare nella strana dimensione di cenere. Intanto l’ingombrante presenza di Mr Spectre si fa sempre più inquietante e simile a quella di uno stalker. Solo il risveglio della piccola Penny porterà un po’ di luce nel grigiore in cui è precipitata la vita di Thara. Basterà il suo amore a salvare Nate da se stesso?
Maurizio Temporin riesce con  maestria ad orchestrare un colpo di scena dietro l’altro cogliendo davvero di sorpresa il pubblico rimasto in attesa dall’ultima pagina di Fiori di cenere, primo romanzo della serie. Questo giovane scrittore poliedrico ha fatto un passo in più dando un volto nuovo al genere vampire.
Personaggio preferito: per essere cattivi ci vuole stile, e Ludkar ne ha da vendere. Come manovra lui la motosega nessun altro al mondo!
Emozioni provate durante la lettura: ho riso spesso per le battute mordaci e irriverenti di Christine, la migliore amica di Thara,e per la follia di Ludkar, talmente estrema da risultarmi stranamente esilarante.
Ambiente preferito: la descrizione del teatro ha senza ombra di dubbio caricato di pathos la vicenda descritta.
Note o suggerimenti: l’unico appunto che mi viene da fare è sulla scelta della copertina. Alla cover di Iris. I sogni dei morti ho preferito quella di Fiori di cenere che trovo più elegante e penso rievochi in maniera più vivida i contenuti.

EVIDENZIATO da Ilenia Unida, Liceo Scientifico Marconi, Sassari, classe V B

link per leggere i primi capitoli del libro di Maurizio Temporin, IRIS. I sogni dei mortiGiunti Editore, 5 ottobre 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/iris-sogni-dei-morti

sweets dreems

(1948)

Lascia un commento