Nicola Pettorino, Una carezza da lontano

Sinossi del romanzo di Nicola Pettorino, Una carezza da lontano

La guerra combattuta, consapevolmente, su fronti opposti ha separato due amici. Un sentimento malinteso separa due ragazzi. La forza della verità alla fine li riunisce, idealmente, realmente. Perché nulla è peggio dell’ignorare. «Volevo che i giovani sapessero, capissero, aprissero gli occhi. I giovani devono conoscere la società in cui vivono. Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell’ignoranza… Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza la libertà non si vive, si vegeta» (dal discorso di Nuto Revelli in occasione della  cerimonia per la laurea honoris causa in Scienze dell’educazione, conferitagli dall’Università di Torino nel 1999). Fra Torino, il Piemonte e Roma, una narrazione a quattro voci. Uno sguardo, a volte lieve, gettato sulla Storia e una ferita che non si rimargina da oltre mezzo secolo. Storie di amore e di amicizia, guerra e Resistenza, parole non dette e scelte dolorose.

Nicola Pettorino, nato a Roma nel 1961, vive a Peveragno (CN) e lavora a Torino. Laureato in Lettere, indirizzo storico, con una tesi sulla Resistenza in Valle Stura, ha collaborato con l’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo e curato alcune pubblicazioni sulla guerra partigiana. Autore di diversi racconti, nel 2008 ha pubblicato il romanzo “Il quarto d’ora granata. Metodo, applicazione e fantasia rendono possibile ogni cosa” (Robin Edizioni).

link per leggere i primi capitoli del libro di Nicola PettorinoUna carezza da lontanoEdizioni Angolo Manzoni, 15 maggio 2011

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/una-carezza-lontano

sweets dreems

(723)

Please like & share:

Lascia un commento