Sophia Amoruso, GirlBoss. Come ho creato un impero commerciale partendo dal nulla

«Una #GirlBoss è padrona della sua vita. Prende quel che vuole perché lavora per ottenerlo»

Da ragazzina, Sophia Amoruso girava in autostop, rubacchiava nei grandi magazzini e rovistava nei cassonetti della spazzatura. A ventidue anni, per campare, sembrava ormai rassegnata a un mediocre lavoro impiegatizio con tutta la frustrazione e la mancanza di stimoli che questo comportava. Fu a quel punto che un giorno decise di vendere vestiti vintage su eBay. Otto anni dopo, Sophia crea la Nasty Gal, un’impresa on-line da 100 milioni di dollari, con 350 dipendenti, un autentico impero della moda. Una storia vera come quella di Steve Jobs e di Mark Zuckerberg alla quale Sophia ha dato una defi nitiva, forte e frizzante impronta femminile. Sophia non è mai stata un tipico imprenditore né un tipico alcunché: viene dalla strada. Ha scritto #GirlBoss per raccontare la propria ricetta per il successo: una storia molto personale che può valere per tutti.

#GirlBoss. Come ho creato un impero commerciale partendo dal nulla

Sophia Amoruso (San Diego, 1984) ha creato e dirige la Nasty Gal, impresa on-line che vende vestiti e accessori vintage femminili. #GirlBoss è il suo primo libro.

QUI potete leggere i primi capitoli del libro di Sophia Amoruso, #GirlBoss. Come ho creato un impero commerciale partendo dal nulla, Sonzogno, 2014.

(1385)

Lascia un commento