La diffusione della lettura ai tempi dei social network

Il ruolo della scuola resta fondamentale, ma la passione per i libri oggi si diffonde anche attraverso nuovi canali, in primo luogo i social network MILANO – Le percentuali negative che riguardano il numero di lettori in Italia è un problema a cui il sistema culturale tenta di porre rimedio. La colpa del disinteresse del Bel Paese per i libri viene scaricata di mano in mano come una patata bollente. Si attribuiscono le responsabilità alle istituzione e ai nuovi media.

Continua a leggere

Quando gli ereader leggono nella mente dei booklover

MILANO – Lo sapete che più dell’80% delle persone che leggono un giallo danno una sbirciatina alle pagine finali per scoprire chi è l’assassino? È uno dei dati che emergono dallo studio sul comportamento dei lettori da parte di app digitali come Scribd Inc., Oyster ed Entitle Books. Che cosa sono? Start up che offrono ebook illimitati in cambio di un abbonamento mensile. Il Wall Street Journal ha analizzato in un articolo il successo di queste applicazioni, che a pochi

Continua a leggere

I più bei posti al mondo dove leggere un libro

Dalla Long Room della biblioteca del Trinity College a Dublino all’atrio dell’Algonquin Hotel a New York, ecco in quali luoghi bisogna assolutamente sedersi a leggere un buon libro almeno una volta nella vita MILANO – “Tutti sappiamo che probabilmente le circostanze in cui si legge sono importanti quanto il libro stesso”, scrive Nick Hornby in “Una vita da lettore”. E come dargli torto? Certo, i lettori più voraci sono preparati anche alle circostanze più estreme: ogni momento è buono per

Continua a leggere

Ecco i lavori da sogno di ogni booklover

MILANO – Lavorare per vivere o vivere per lavorare? Quante volte questo dilemma si scontra con le necessità della vita quotidiana e, perché no, quante volte è capitato di immaginarsi finalmente vittoriosi, pienamente dedicati a quella professione che tanto ci affascinava da bambini? Beh, c’è qualcuno che è ancora in grado di immaginare il lavoro dei propri sogni, come Rebecca Joines Schinsky, senior editor e community manager di Book Riot, che ha stilato una lista delle professioni che dovrebbero esistere

Continua a leggere

Il mio nome è MOLETTA dice la mascotte di EasyReading ®

Sua zia si chiama Miss Mole, che in inglese significa: Signorina Talpa. Perciò lei si chiama “Moletta”, che poi vorrebbe dire “Talpetta”, un po’ in inglese un po’ in italiano. Come il carattere ad alta leggibilità EasyReading®, “eccellente per i dislessici, ma ottimo per tutti”, che ha un nome inglese ma registrato dall’italianissima Edizioni Angolo Manzoni. Infatti “Moletta” è la talpina mascotte di EasyReading® e il suo nome è stato appena scelto, fra oltre trenta proposte (25 novembre -10 gennaio

Continua a leggere