Touched by Grace. La mia musica con Jeff Buckley

Gary Lucas ha scritto con Jeff Buckley le canzoni Grace e Mojo Pin, contenute nell’album Grace (1994)

A quindici anni dalla morte di Jeff Buckley (29 maggio 1997), il grande e sfortunato cantautore americano è ancora uno dei volti più amati del mondo del rock e una delle voci più angeliche che la musica abbia mai avuto. La sua “grazia” – GRACE è appunto il titolo del suo unico album – ha toccato milioni di fan, primo fra tutti il chitarrista e compositore che gli fu accanto in quei giorni epici, Gary Lucas. Autore di alcune delle canzoni più belle di quel disco ormai leggendario, Lucas divise lo studio con il giovane Buckley, agevolando in ogni modo l’esplosione repentina di un talento senza eguali. La collaborazione tra i due non si limitò a un rapporto professionale, ma sconfinò nell’amicizia, sentimento supportato da una forte stima reciproca.

E dopo quindici anni, per Lucas è venuto il tempo di riannodare i fili della memoria, raccontare Jeff da vicino, come può farlo solo chi lo ha davvero osservato nei momenti cruciali di uno straordinario momento di crescita umana e artistica. Touched by Grace, di cui Arcana ha acquisito i diritti internazionali e che è in uscita in diversi paesi, è un memoir denso di ricordi puri, nitidi, appassionati e anche divertenti, e sarà a sua volta accolto come un documento sincero e prezioso, contributo unico alla defintiva storicizzazione di uno degli incontri artistici più “toccati dalla grazia” che la storia della musica abbia mai conosciuto.

GARY LUCAS

Chitarrista, compositore, produttore discografico, Lucas gira il mondo in tour da solista e come componente di diversi gruppi musicali, inclusa la sua band newyorkese di sempre, Gods and Monsters. Negli anni, si è esibito in più di 35 paesi, India compresa, collaborando con decine di artisti, tra cui Lou Reed, Iggy Pop, Patti Smith e Leonard Bernstein.

Il libro uscirà per Arcana edizioni in anteprima mondiale, la casa editrice gestirà anche i diritti internazionali

 

Touched by Grace. La mia musica con Jeff Buckley

 

 

 

Hanno detto di Gary Lucas

“Il chitarrista migliore e più originale d’America”

David Fricke, «Rolling Stone»

 

“Chitarrista fuoriclasse leggendario” «The Guardian»

 

“L’eroe della chitarra dell’homo sapiens” «The New Yorker»

 

“Forse il miglior chitarrista elettrico vivente” Daniel Levitin

 

Altre notizie su Gary Lucas e Jeff Buckley

Nel 2002 è uscito postumo l’album Songs to No One contenente canzoni scritte nel 1991-92 da Gary Lucas e Jeff Buckley

In uscita il film Greetings from Tim Buckley, Gary Lucas è direttamente coinvolto nella realizzazione del film e nel lungometraggio sarà interpretato da Frank Wood. Il film è stato presentato al Toronto Film Festival

 

Nel 1991 nella chiesa di St. Ann di Brooklyn (New York), Buckley fece il suo debutto in pubblico durante un concerto-tributo a suo padre denominato Greetings from Tim Buckley.  Nell’evento, organizzato da Hal Willner, il cantante fu accompagnato da Gary Lucas nell’esecuzione del brano I Never Asked To Be Your Mountain

«La differenza di età fra noi non è mai stata un problema. Non eravamo legati dalla moda o da altri ideali passeggeri. Eravamo spinti da un comune desiderio di comunicare la sensazione di Grazia delle nostre canzoni. E speravamo che il mondo ci avrebbe seguito. E il mondo ci seguì. E io sentivo questa cosa fortemente. E la sento ancora. Persone di tutto il mondo mi raccontano di come le nostre canzoni hanno cambiato le loro vite. È il più grande onore che possa avere, come artista. Aver creato insieme a Jeff un’arte che trascende il tempo e continua a far sognare le persone è una benedizione. E ricordo con amore quel momento in cui fummo entrambi “toccati dalla grazia”». Gary Lucas, da Touched by Grace

link per leggere i primi capitoli di
Gary Lucas, Touched by Grace. La mia musica con Jeff Buckley, traduzione di Luca Fusari, Arcana edizioni, 14 ottobre 2012
http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/touched-grace-mia-musica-jeff-buckley

 

(556)

Please like & share:

Lascia un commento