Tutta da rifare di Giorgia Wurth

Recensione di Cristina Idini

Il primo giorno di scuola media Lorenzo incontra Sole, per lui è subito amore. Sole adora numerare qualsiasi cosa, ha una passione spropositata per Sabrina Salerno e non sa amare nemmeno se stessa. Entrambi sono invisibili, capaci di mimetizzarsi senza farsi notare da nessuno. Ma se per Lorenzo questa è una difesa, per Sole invece è la sconfitta più grande e per superarlo la nostra piccola donna si butta nelle esperienze più importanti senza percepirne il vero significato. Lorenzo cerca di salvarla con il suo amore ma non è abbastanza: è così che Sole decide di intraprendere un viaggio senza ritorno… Un viaggio nella chirurgia estetica per cercare, attraverso un corpo nuovo, le sicurezze che non aveva mai avuto. Lorenzo cresce, vive mille esperienze e vede la donna che ama distruggersi mentre lui, impotente, non può curare le sue ferite.

In “Tutta da rifare” Giorgia Wurth ci regala l’intenso ritratto di una donna difficile e ricca di sfumature, ci fa vivere l’eterno desiderio che dilania ogni ragazzina adolescente: essere bella a tutti i costi. Ma è un complesso che Sole non riesce a superare, per lei la bellezza è il mezzo per essere amata, per non essere più una sogliola invisibile come era stata a scuola. Un romanzo forte, scritto con un linguaggio chiaro e diretto che vuole trasmettere un messaggio fondamentale: bella non significa felice. E a farci capire questa importantissima verità sarà un uomo, Lorenzo, un personaggio dotato di grande forza d’animo e capace di un amore senza confini.  “Tutta da rifare” è un romanzo per le ragazze che si apprestano a compiere il difficile viaggio per diventare donne: scorrendo le pagine, ogni adolescente capirà che ogni donna è bellissima e speciale e che non serve rispondere a canoni estetici stereotipati per essere belle. Capirà che bella  è ogni donna che rispetta ed ama il proprio corpo senza venderlo o distruggerlo, come fa Sole.  Un romanzo per ragazzi, per far comprendere una piccola parte dell’immenso universo femminile ma soprattutto un romanzo per i genitori, perché capiscano che in questo percorso di crescita così duro e complicato le piccole donne non devono mai essere lasciate sole. Ogni ragazza porta dentro di sé una Sole insicura e fragile: allora bisogna crescere insieme per capire che la vera bellezza è quella del cuore

recensione di Cristina Idini, Liceo Scientifico G. Marconi, Sassari – Corso B, Coordinatrice del Corso: prof.ssa Alessandra Petretto

Link per leggere il primo capitolo  del romanzo di Giorgia WürthTutta da rifareFazi Editore, 22 gennaio 2010

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/tutta-rifare

sweets dreems

(760)

Lascia un commento